OCCASIONI per i visitatori:



-----> LINK UTILI <-----

La nostra PAGINA FACEBOOK
La mia pagina su PENSIERI e PAROLE.it
Il mio album su FLICKR

domenica 22 marzo 2009

Phishing , fisher ( sembra di parlare di pesca ) , rubare password e tutte queste " belle " cose ( consigli in caso vi hanno rubato i dati personali )

Buon giorno,
ma l'avete finita????

Ma vi rendete conto che avete rotto i coglioni???? (scusatemi il termine utenti, sapete che non sono avvezzo alle parolacce, ma quando ci vuole ci vuole)


Perchè uno strumento nato per unire, armonizzare e acculturale si deve ridurre a un campo di battaglia dove le persone si aggirano armate di firewall, antivirus e antispyware perchè ci sono delle teste di cazzo come voi (scusatemi ancora, vi prometto che questa era l'ultima del post) che non hanno nient'altro da fare se non rubare password e dati personali. Ma andare a lavorare come tutti gli altri no??? Paura ad uscire dalla vostra camera buia, perchè fuori ci sono le persone vere. Quelle che non stanno dietro al monitor e se vi vogliono prendere a calci nel sedere vi fanno fare il giro del mondo senza che nemmeno ve ne accorgiate??? Per questo lo fate???

Mi fa schifo vedere come ci siano molte ricerche su google.it fatte per trovare i metodi con cui rubare password, fare phishing e tutte queste altre belle cose qui.

Non è giusto che noi utenti seri dobbiamo stare in trincea, in instato di guerra per dei mascalzoni. Io mi oppongo a questa vergogna e ingiustizia.

Se una volta ogni tanto inasprissero le pene anche per i reati informatici, ma non il bambinetto che si scarica dal p2p (ecco QUI cos'è) un .mp3, ma per quei maledetti che passano le giornate a falsificare siti, email e richieste di dati personali in generale. Se a quelle persone fossero dati 18 mesi per direttissima quando non combinano niente, e 5 anni per direttissima quando riescono a rubare qualcosa.
SONO SICURO CHE COSI' SPARIREBBERO ANCHE QUESTI "PESCATORI" DELLA RETE, CHE NON PRENDONO "PESCI" PER MANGIARE, MA PRENDONO PERSONE DA DERUBARE!!!!!


Non è giusto che non si possa scaricare un .zip senza la paura di trovarci dentro un trojan che farebbe impallidere anche Ulisse. Ne ho le tasche piene.

Bene, veniamo ora ai consigli.
Proprio l'altro giorno mi è arrivata una mail contraffatta. Ho aperto il link per costatare l'abilità del pescatore pazzo, e il sito ebay.it fasullo era fatto davvero bene. Peccato che ho dimenticato di chiudere la pagina. Sono andato a fare altro, e quando sono tornato mi sono dimenticato che prima avevo aperto quello contraffatto. FREGATO.

Purtroppo sì, lo ammetto, in anni di uso di internet mai una volta mi ero fatto fregare, questo ci è riuscito per una mia distrazione, e forse è per quello che sono così arrabbiato. Sta difatto che se vi succede e ve ne accorgete, dovete procedere come segue. Cambiate immediatamente tutte le password collegate a quell'indirizzo se uguali. Per esempio io usavo la stessa password per ebay e degli altri siti che al momento del login chiedevano come nome utente lo stesso indirizzo email che hanno usato per mandarmi la lettera fasulla. Ebbene, io ho cambiato tutte le password per sicurezza. In questo modo, l'attacco dell'amico è stato neutralizzato.

Poi per chiudere in bellezza, sono andato sullo sportello online della polizia di stato. Lì ti registri (io ero già registrato) e così puoi segnalare pedofilia, phishing e cose varie direttamente a loro.
Ecco, sono entrato nella pagina del phishing, ho comunicato il sito contraffatto, l'email contraffatta e l'ora in cui era contraffatto. E ho inviato la segnalazione. Così il simpaticone ora dovrà anche spiegare alla polizia postale come mai non se n'è andato al parco quel giorno, ma ha tentato di truffare la persona sbagliata.

Ancora buona domenica!!

Luca Zecca

Vedere la televisione e i film online su internet in streaming

Buongiorno,
oggi parlamo di questo nuovo strumento offertoci da internet.

Addio telecomando, addio segnale disturbato. Benvenuto "buffering" lento (per sapere cos'è clicca pure QUI) e benvenuto maledetto "schermo intero" che sgrana all'inverosimile.

Però sì dai, tutto sommato è molto comoda. Per chi come me si è comprato un "tuner digitale USB 2.0" vuol dire potersi vedere alcuni canali che, non essendo presenti nella copertura digitale, non potrei vedere. FALSO!!! Falso perchè qui in valtellina non si vede canale 5, italia 1 e rete 4, e proprio mediaset non è ancora riuscita a creare una tv online!!! Mentre la rai si. Per cui per la rai ho solo l'imbarazzo della scelta (li vedo con il tuner o in internet???) mentre mediaset è oscura per il mio pc.

Eppure sarebbe così comodo. Una persona che vuole lavorare e vedersi i suoi programmi va sul sito internet, lo salva nei preferiti (che diventeranno più un telecomando che una lista di siti preferiti dall'utente) e ogni volta ce vorrà potrà vedersi il suo bel programma.

Questo si che è comodo. Mica tutti quei siti che propongono tv in streaming (clicca QUI per sapere cos'è! Come sempre il tutto, fornito da wikipedia.it) e alla fine ti ritrovi a poter vedere quattro programmi in croce italiani, e tutti i programmi di tutte le reti estere.



Su dai italia, forse potresti farcela ad avere anche tu tutte le reti analogiche/digitali in internet!!!



Nella speranza che la mia esortazione come al solito non cada nel vuoto,

Buona domenica!!!

Zecca Luca

domenica 15 marzo 2009

Apple ( Macintosh ) Vs . Microsoft ( Windows ) Vs . Linux

Buon giorno,
il titolo già spiega di cosa voglio parlare oggi, e già di per sè suggerisce alcune considerazioni.

Premesso che non intendo dare una spiegazione tecnica approfondita dei vantaggi dell'uno sull'altro (se esistono), ma dare delle impressioni che, all'utente medio come me, i tre sistemi danno.

Partiamo dall'ultimo, ma non dal meno importante. Linux. Già il fatto che non vi sia stato bisogno della parentesi, ci indica come questo sistema operativo (guarda QUI cos'è un sistema operativo) non sia figlio di una società di software, ma bensì di una comunità. Ed ecco dunque il primo grande vantaggio di tale sistema. Noi, se abbiamo delle basi di programmazione, possiamo conoscere realmente come è fatto il sistema operativo (un po' come se, alla nostra macchina, possiamo aprire il cofano per esaminarne il motore), cosa che gli altri due non ci danno.
Ma da questo pregio, nasce in difetto. Perchè? Perchè se non abbiamo le basi di informatica, ma semplicemente ci piace poter comprare il 5.1 e collegarlo, comprare il modem USB e collegarlo, ecc, senza dover inserire nemmeno una riga di testo, qualche problema lo incontreremo. Perchè se è vero che ormai le varie distro (guarda QUI cos'è una distro linux) offrono ampi pacchetti driver anche proprietari, è altrettanto vero che capita spesso di avere un problema, e come molte persone non riuscivano a scrivere "win" in dos per poi premere invio, non riusciranno mai a capire a cosa può servire scrivere "sudo" prima di una stringa di comando.

In sintesi, PRO: Sistema aperto, dunque adattabile. CONTRO: effettivamente gli utenti "medi" incontrano difficoltà, essendo sempre stati abituati a interfacce grafiche, e MAI a righe di comando.


Windows di Microsoft, a sua volta proprietà di Bill Gates (difficilemente non sai chi sia, ma se vuoi approfondire, quarda QUI). Partiamo da un dato certo. Il PC ha rivoluzionato il mondo. Sarà pieno di difetti, ha le schermate blu, va riavviato ogni 2X3, ma ha portato internet e la video scrittura nelle case di molti. Ed ecco che però il pregio, come in linux, nasconde anche un difetto. Ha messo davanti al monitor persone che non hanno la minima idea di cosa ci sia nel case o cosa sia un codice sorgente. Persone che non sanno cosa sia DOS, una riga di comando e hanno solo una vaga idea di cosa sia una formattazione. E forse, è proprio da quest'ultima considerazione che capiamo da dove arrivi uno dei primi grandi difetti di Windows. I virus.
Se le persone fossero più informate, quando in messenger gli arriva un messaggio da un contatto semi sconosciuto con scritto "Hey, apri qui per vedere le mie foto al mare: www.babbudoio.seiunpirla.uk" non ci cliccherebbero sopra. Stessa cosa per il phishing (non sai cos'è anche questo? No problem, wikipedia esiste per questo! Guarda QUI).
Un altro problema è che per un qualche motivo assurdo dopo un po' di tempo che hai un pc, questo matematicamente rallenta fino a inserire la retromarcia. Boh, non scendo nel tecnico con registri di sistema e cose varie. Dico solo una cosa, forse c'è una remota possibilità che a qualcuno interessi che noi pensiamo che dopo un anno il nostro computer è da rottamare e cambiare/aggiornare?
PRO: Facile da usare grazie alla grafica a finestre, non si usano mai righe di comando. CONTRO: bisogna usare la testa nell'usarlo. Bisogna non installare qualunque cosa troviamo in rete. Non dobbiamo credere che se il computer rallenta è da cambiare

E infine l'ultimo, il machintosh di Apple. Molto stabile, veloce, preciso. Non richiede mai il riavvio. Sento di persone che non lo riavviano per un mese e non lo spengono per un mese, senza che si rallenti minimamente. Non ha il problema dei virus, ed è a interfaccia, come windows, mostrandosi dunque semplice.
Il suo difetto? Beh, non si trovano facilmente giochi e programmi a lui adatti. Ma per professionisti e persone che vogliono un sistema sicuro e stabile, secondo me è la scelta migliore.
PRO: Veloce, stabile e facile. CONTRO: difficoltà nel trovare giochi e programmi adatti.


Sintesi? Beh, io direi che il migliore è machintosh, anche se proprietario come microsoft. E' però stabile e potente. Anche se non lo consiglio a tutti per via della compatibilità. Tra linux e microsoft. Allora, il primo a persone in grando di sistemarselo a dovere senza andare in panico alla minima difficoltà. Contando però che non potrete giocarci (lasciate stare i giochi che puoi scaricare dai server per piacere, fanno schifo. E gli emulatori di windows sono anche peggio). Per la maggior parte dunque, la scelta ricadrà ancora su windows. Per quanto instabile e pieno di problemi, ho già ampiamente descritto perchè è preferibile per la maggior parte degli utenti.

Ma alla fine, tenendo conto di tutto, la scelta sarà ancora vostra!!!

Buona giornata e buona domenica!!!

Luca Zecca

giovedì 12 marzo 2009

Download , emule , bit torrent e gli altri peer to peer

Buon giorno,
oggi desidero parlare del tema del "peer to peer".

Non voglio ne inciatare a usarlo, ne fare il sovversivo schierato contro le multinazionali. Nel mio piccolo voglio solo compiacermi per le decisioni di volta in volta prese dalla corte europea in merito.
E' giustissimo che chiunque scarichi e immetta gratuitamente non sia perseguito. Che chiunque non copii i contenenuti scaricarti per farsi pagare, ma continui a fruirne gratuitamente, lo faccia.

Questo forse darà una svegliata a coloro che pensano che in un periodo come questo si possa far pagare un audio cd 20€ o un dvd 25€ e passa.

Vorrei avere vostre opinioni in merito!!! Per lasciare i commenti tanto sapete come fare, c'è il pulsante infondo a ogni post!

Buona giornata!!! Luca

giovedì 5 marzo 2009

Chat , facebook , netlog , hi5 , messenger con hotmail e tutto ciò che si può trovare online

Buongiorno,
allora, vi chiederete: "Con questo titolone su cosa ci vorrà mai stressare oggi?".

Ebbene, a tale domanda la mia risposta è che, oggi, vi stresso un po' sulle chat e tutti quegli spazi che la rete ci offre (anche questo) per conoscerci, ma con particolare riferimento ai bambini, e la loro tutela.

Alcuni di voi risponedebbero allora "Ohhh no, ancora ci stressa qualcuno con questa storia?" altri direbbero "No, non c'è problema, mio figlio internet lo usa solo con me, e con me sola/o" e altri infine "Ma va a farti un giro e non stressarci più!".

Ebbene, gli ultimi li metto subito a nanna, dicendo che fuori piove (abito in valtellina, ndr) e quindi un giro non vado a farmelo (purtroppo!). Alle prime dico che io il problema lo voglio affrontare in modo diverso da come continuano ad affrontarlo i giornali. E ai secondo, do ora risposta.

Tg, riviste e giornali spesso parlano di questo argomento, e secondo una mia limitata visione, mi sembra che tutti lo affrontino dicendo che il controllo deve essere esterno e severo, non permettendo che pedofili o maniaci riescano ad addescare. Fine nobilissimo, mezzi giustissimi.

Controlli con programmi ad ok delle conversazioni, squadre di polizia postale addette ai contrilli ecc.
Io però mi chiedo: "Sì, internet per dei cyborg pedofili si rivela uno strumento pratico, veloce ed efficace per addescare. E non lo dico perchè sono un pedofilo, ma perchè pensandoci, rispetto ad avvicanare un bambino fuori da scuola, è molto più semplice avvicinarlo on line magari fingendosi un altro bambino. Ma fino a che punto il controllo deve essere esterno e dall'alto, e quando può essere dall'interno? (dove per interno intendo coscieza/intelligenza dei bambini)".

Ora, perchè non insegnare per bene ai bambini come difendersi, senza stringerli in un controllo che li farebbe crescere come se fossero in un grande fratello??? Tanti mi obbietterebbero che i bambini non sanno difendersi, ma come? Gli dite (io non sono genitore) di non prendere niente dagli estranei. E lo fanno. Gli dite di non accettare passaggi? E lo fanno. Gli dite di non aprire agli estranei. E lo fanno?

Perchè dunque se gli dite di non dare indirizzo di casa e foto in internet, dovrebbero disubbidire???
Non è che forse l'ignoranza (nel senso buono del termine) e la disinformazione di molti adulti porta a credere che i propri figli siano altrettanto ignoranti?

Effettivamente, tra tutte le critiche, questa è l'unica che non verrebbe probabilmente fatta a quelli che la pensano come me, ma è anche la più veritirera. E cioè che se un uomo di 40 anni ancora non capisce che se gli arriva una mail con scritto: "Non è possibile accreditare sul vostro conto postepay una cifra di 40000€ perchè effettuta da un conto estero. Si prega gentilmente di fornire password, username, codice di controllo carta, numero carta e scadenza, così da poter abilitare tale ricezione per questa cifra, e per eventuali e future" NON DEVE COMUNICARE I DATI, perchè un bambino di 10 dovrebbe non cascarci???

Ebbene non è così, se noi cominciassimo a scuola, oltre ad insegnare ai bambini che nella frase "io ho mangiato la mela" la parola "ho" è copula in quanto verbo ausiliare (spero di aver fatto giusto l'analisi grammaticale, critiche ben accette :-) ) , gli insegnassimo anche che se una persona in chat dice di avere 10 anni, di amare i pokemon e di dormire con il pupazzetto, non è per forza vero, faremmo grandi passi avanti!!!

Io in conclusione quindi, vorrei sentire le voste opinioni in merito. Perchè secondo me è giusto che la polizia postale faccia i controlli e si spacci per bambini per arrestare quei farabbutti (per restare eleganti, ma anche usare il termine volgare che sta per "mammifero domestico onnivoro con corpo grosso e tozzo rivestito di scarse setole, muso allungato terminante nel grugno e coda a ricciolo; viene allevato per lo sfruttamento della carne e dei prodotti secondari della macellazione" è solo dire la verità) ma è forse un po' meno giusto, subire a dieci anni un controllo così forte e severo fino ad arrivare a sapere che ogni cosa che scriverai sarà letta dai tuoi genitori. Dunque, non per sete di liberismo o impunità (anzi!!! Sapete che sto da ben altra parte), mi piacerebbe vedere che ai bambini vengono date le basi per una genuina e corretta navigazione, per poi lasciare che essi le applichino (così come non salgono su macchine di estranei, non accettano caramelle, non aprono la porta) e annullino i tentativi di addescamento pedofili.

Grazie dell'attenzione,
Luca Zecca

domenica 1 marzo 2009

Better , Bwin , poker online ( con tanto di freeroll ) gratta e vinci , scommesse sportive e compagnia bella ( help )

Buon giorno cari lettori,
torno a annoiarvi un po' parlando oggi di scommesse sportive, e in generale, tutto ciò che riguarda questo campo.

Come è noto, il problema di coloro (per mia personalissima opinione, definibili "soggetti deboli") che cedono al gioco d'azzardo senza più essere in grado di contenere la voglia irrefrenabile di giocare, è assai grave.

Questi soggetti non vedono più il gioco come azione fine al divertimento personale, ma bensì, come azione volta a soddisfare una voglia irrefrenabile e quasi incontenibile. Per questo giocano, giocano tanto. E nel gioco delle probabilità vanno a perdere tanto. Si indebitano. Giocano. Si indebitano. Giocano. Si indebitano. Finchè a un certo punto qualcosa li riporta "nel mondo"; li prende dal loro mondo virtuale fatto di gioco e del modo per reperire i fondi necessari a mantenere il gioco, e li scaraventa nella realtà. Chi è? Beh, solitamente gli ufficiali giudiziari e i decreti di ingiunzione. Magari anche la moglie, che scopre tutto insieme ai figli quando ormai il danno è grave.

Ecco, non condanno il gioco d'azardo in sè. Per l'amor del cielo, non è una partita a poker con gli amici o una grattatina al gratta e vinci a uccidere. Così come non condanno chi si beve il goccettino di amaro dopo mangiato.

Ebbene, io qui ora, codanno coloro che però vogliono coprire questo mostrando persone felici che grattano, scommettono e puntano. Condanno delle pubblicità che mostrano come facile la vittoria, celando quasi le innumerevoli volte che si perde. Ecco, condanno questo.

Loro sicuramente, se il mio blog fosse letto da più di 20 persone al giorno, mi scriverebbero che è implicito. Che solo i maggiorenni possono giocare, e un maggiorenne dovrebbe sapere che se si compra un gratta e vinci non si vince sempre sempre.
Ebbene io dico no.
Non è così, appunto, quelli che ho definito prima soggetti deboli, già portati a cedere al vizio del gioco potrebbero restarne più influenzati dalle pubblicità, e cascarci.
Senza magari non ci cadevano, ma esse gli danno quella scintilla che li porta sulla strada del baratro. Ma a loro che importa? Una volta che stampano i grattini, vedono che i soldi entrano a fiumi nei conti di gioco online, in resto cos'è? Parole? Numeri?

NO!!! Persone!!!!

P - E - R - S - O - N - E

Con i loro problemi, i loro sentimenti e le loro debolezze - tentazioni.

Cerchiamo di riflettere quando mandiamo un messaggio pubblicitario.


A presto lettori
grazie dell'attenzione concessami,
Luca