OCCASIONI per i visitatori:



-----> LINK UTILI <-----

La nostra PAGINA FACEBOOK
La mia pagina su PENSIERI e PAROLE.it
Il mio album su FLICKR

domenica 24 gennaio 2016

Che disastro le app di pagamento NFC degli operatori!

Buongiorno,
vi parlo brevemente come cliente della situazione dei pagamenti "contact less" con Tim e come osservatore di quelli Vodafone.
Il pagamento Contact less si basa sulla tecnologia NFC e permette di pagare semplicemente avvicinando il proprio smartphone a un Pos abilitato. Fondamentali oltre alla tecnologia sono avere una Sim compatibile, l'app dell'operatore installata e una carta di credito/prepagata associata all'applicazione (Tim Smart Pay nel caso del mio operatore, rilasciata da Intesa San Paolo tramite Setefi).

Qua già nascono i primi problemi: l'app dell'operatore in realtà fa comunque solo da contenitore per una carta di pagamento che dovrà necessariamente interfacciarsi con un sistema esterno (il circuito che l'ha emessa). A questo aggiungiamo il servizio clienti evidentemente non pronto a fornire risposte e supporto in un campo che non è sicuramente quello degli operatori di telefonia mobile.
Il risultato è che nei dispositivi aggiornati ad Android 5.2 e oltre l'app di Intesa San Paolo non si interfaccia più con l'app Tim Wallet non permettendo più la gestione della carta e i relativi pagamenti. Nessuno di tim sembra preoccuparsene e men che meno nessuno di Intesa sembra trovare una soluzione con l'ovvia conseguenza che l'app sul playstore è bombardata di commenti negativi degli utenti a cui nessuno risponde!
Stessa situazione assurda la si ritrova sotto l'app Smart Pass di Vodafone con sfilze di commenti a una stella senza risposta con clienti che (giustamente) invitano l'operatore a ritirare l'app se non è in grado di gestirla e supportarla.
Mi auguro si possa avere un riscontro da parte degli operatori e i loro tecnici per avere una risposta vista la fiducia accordata (io ho caricato soldi buoni sulla loro prepagata) e il desiderio di avere un servizio funzionante. Non ci si sorprenda altrimenti se all'uscita di servizi alternativi (Apple Pay, google play e samsung pay) la clientela se ne andrà ad altri porti volentieri per buona pace dei servizi nostrani e i fiumi di capitali che raggiungeranno l'estero.
Voi cosa ne pensate? Come vi trovate?
A presto,

@Tosevita
Posta un commento