OCCASIONI per i visitatori:



-----> LINK UTILI <-----

La nostra PAGINA FACEBOOK
La mia pagina su PENSIERI e PAROLE.it
Il mio album su FLICKR

giovedì 28 maggio 2009

" Chi vorrebbe Berlusconi come padre ? " la deriva di una sinistra senza più idee e valori

Buon giorno cari lettori,
Lenin, Stalin, Trotsky, Turati, Gramsci e Togliatti.

Questi sono sei personaggi che nello studio scolastico del XX secolo vengono incontrati. Se poi uno è appassionato come me e approfondisce, potrebbe aggiungercene anche altri. Ma credo bastino.

Chi sono? Beh, per chi non lo sapesse, i primi tre sono i protagonisti della rivoluzione socialista (poi comunista) in Russia e vincitori della successiva guerra civile, Turati fu leader della parte riformista del partito socialista e gli ultimi due furono i leaders del partito comunista, e Togliatti in particolare, unico dell'elenco insime a Stalin (anche se lui per poco), fu anche protagonistra del dopoguerra.

Sei nomi, sei storie. Un solo desiderio. L'applicazione nella realtà dell'ideale utopico socialista. Chi in un modo, chi nell'altro.

Orbene, dove voglio giungere? Voglio purtroppo giungere a un collegamento con i giorni nostri... pieni di personalità indistinte, quasi impalpabili perchè impalpabili sono le loro idee.

Il socialismo e il comunismo, hanno avuto come figli (figli bastardi a mio avviso, nel senso non offensivo ma letterale della parola, visto che non posso credere che così grandi ideali possano avere codesti personaggi come figli) i personaggi che oggi popolano la sinistra e il centrosinistra. L'unico che salvo, nel mucchio, è Bertinotti, che meriterebbe comunque un seggio anche se la sua lista non supera lo sbarramento. Un posto ad onorem, per intenderci.

Ma gli altri? Una cozzaglia informe che si è dichiarata socialista solo perchè altrimenti doveva essere fascista o democristiana... ma per il resto, non sanno nemmeno cosa sia il socialismo.

E che scrive è un uomo tendenzialmente di destra, ma molto sul suo. Diciamo che se c'è da criticare critico, se c'è da applaudire sono il primo a farlo.

Ma voglio farvi riflettere su quali erano le idee propulsive dei sei signori. Il socialismo, che vuole una società che dà a tutti secondo il valore del proprio lavoro, per poi giungere a una società dove ognuno ha secondo i propri bisogni. Cosa che il comunismo voleva raggiungere subito, senza tappe intermedie. E qui sta la differenza. Anche se di fatto, è ancora più corretto dire che il comunismo sia l'unica vera applicazione pratica del socialismo.
Dopo la nascita del comunismo i socialdemocratici della Germania, tuonarono che era un insulto definire socialisti i "comunisti", che appunto si chiamarono comunisti. I socialisti di oggi lo sanno? Sanno qual'è la differenza tra il socialismo e il comunismo? Boh, io non credo..


so di per certo una cosa... sono bravissimi a offendere personalmente Berlusconi e ogni oppositore. Posso qui oggi affermare, con convinzione, che nella storia millenaria della "politica" (nel senso, per così dire, nobile del termine) non vi siano mai stati attacchi perpetrati in maniera meschina, falsa e personale come quelli avvenuti in Italia ai danni del signor Silvio Berlusconi dall'anno della sua discesa in campo fino ad oggi.

E' vergognoso. I rivoluzionari francesi attaccarono il re per la sua mancata volontà a lasciar avvenire la rivoluzione industriale borghese e perchè difendeva i privilegi nobiliari, a discapito dei conti dello stato. I rivoluzionari russi attaccavano lo Zar per la sua scelta di entrare in guerra e per i razionamenti. I rivoluzionari cubani attaccarono Batista per la sua gestione degli affari statali e perchè trasformò Cuba in una banca d'affari per la mafia americana.
Tutti attacchi alle politiche del nemico del momento. Ammesso che Berlusconi sia un "nemico", ma perchè bisogna cadere così in basso da usare attacchi strumentali alla persona?
In politica le bugie si sono dette, ma mai così sulla vita privata!


Vergogna. Pensare che in un'aula che ha ancora gli echi delle parole di statisti del rango di Giolitti, Mussolini e de Gasperi vengano pronunciate parole tanto vuote e prive di ogni ideale, mi fa davvero rivoltare la bile.


Sveglia cari miei, vedrete che bella batosta alle europee!!! Siete dei fantasmi, altro che i primi sei!!!

Loro sono vivi più che mai... le loro battaglie ancora riecheggiano nei campi che le ospitarono, voi riecheggiate solo nei turpiloqui che pronunciate ogni santo giorno, e in essi vi esaurite.


A presto,
Luca Zecca

p.s. la frase del titolo chiaramente è una citazione di Franceschini , leader del Partito Democratico ( PD ) in riferimento a Berlusconi e alla sua presunta incapacità di trasmettere valori ai figli.

lunedì 18 maggio 2009

Catena o Catene di stant' Antonio via mail ; bufala ; sfogo personale ; messenger e chat varie ; rompi scatole noob ; PC ; Comunicato stampa ufficiale

Salve,
non sapendo che titolo dare a quello che sto per scrivere, ho deciso di usare la tecnica dei "tag" per il titolo, cosa che generalmente non ho mai fatto.


Comunque, vi posto la mail che ho mandato alla mia lista contatti. Capirete il tutto. Buona lettura e buona serata,
Luca Zecca



Oggetto della mail: Comunicato stampa di Zecca Luca LEGGI XkE' NON E' UNA CAZZO DI CATENA‏


Buona sera,
avviso tutti coloro che ricevono questa email che per un qualche motivo fanno parte della lista contatti. Non mi interessa approfondire in questo momento il perchè siete in tale lista.

Avviso però che ufficialmente, alle ore 22.25 di domenica 17 maggio 2009, mi sono rotto i coglioni (sì, ho proprio usato la parola coglioni, anche se non è lessicalmente adeguata a un comunicato ufficiale. ma se hai qualcosa da dire, ti consiglio di prendere la tua carta amica, andare all'iperal, e comprarti una bella cassa di cazzi tuoi, e così sono due parole lessicalemente non adeguate).

Di cosa mi sono rotto? Mi sono rotto che questa terra sia popolata da organismi biologici sottosviluppati, meglio noti come "noob" (in valtellinese: gnurant), che non hanno quel minimo di cervello per capire che se in messenger arriva da un loro contatto la seguente frase presa come esempio:

"http://ImageHostz.com/?user=luca_zecca&image=DSC00245.JPG ?!?

... HAHAHA!! :P "


" http://CrazyThingzz.com

:D "

"
http://it.netlog.com/FRIENDS___TRAIN/photo/photoid=89667791&surr=0#photos "

"
http://sere_30.omg-Shame-Shame.com/?image=DSC07819.JPG

"

"
oh my God :D you wont believe this...
http://omg-Shame-Shame.com/?naughty=sere_30&image=DSC007956.JPG

hehe :P its funny loool
"

è un cazzo di virus (e fanno tre) !!!!!!!!!!!


E quel virus, che gli ignorantoni si prendono, rompe i coglioni (e quattro) e così via all'infinito, fino a quando ci saranno persone stupide che cliccano.


E siccome mi sono stufato di ricevere messaggi di questo tipo COMUNICO CHE I CONTATTI CHE MI INVIERANNO QUESTI MESSAGGI SARANNO CANCELLATI DALLA MIA LISTA CONTATTI. E siccome non gliene frega a nessuno, non darà problemi a nessuno. Ma se a qualcuno dovesse dagliene, questa persona mi invii una mail e la riaggiungerò (sempre ke dopo cinque minuti dopo averla aggiunta non mi arrivi un messaggio con scritto di cliccare un link).




Inoltre, dico ai signori noob, che nelle emai esiste l'opzione "CCN". Cosa vuol dire??? Vuol dire che quando inviate una merda di catena (e fanno cinque) non si vedono gli indirizzi di quelli ke li mandate.

perchè porca troia (sei e sette) è un reato punibile con denuncia penale inviare l'indirizzo di una persona a un altra senza il suo volere!


E l'opzione CCN, la attivate in alto a destra quando inviate la mail. Se poi le catene non le mandate, fate anche meglio!



Con questo concludo. Grazie e arrivederci.


Pilasco, addì domenica 17 maggio 2009.

Luca Zecca

p.s. rigrazio i signori noob per avermi obbligato a usare sette volte parole non adeguate al contesto, che con l'oggetto della mail fanno otto.

mercoledì 13 maggio 2009

Giochi di strategia in tempo reale ( RTS ) : la mia recensione di " Command & Conquer Tiberian Sun " ( chiaramente per PC )

Età consigliata: 8+
Genere: Strategico in tempo reale
Parlato: Inglese
Sottotitoli: Non presenti
Casa: Westwood


Trama
Continua la lotta tra i gdi e i nod. Chi vincerà? Sarai ancora tu a deciderlo in questo perfetto seguito dell’ amata (non che pietra miliare degli strategici) serie Command & Conquer; completamente rifatto in ogni sua veste. Che aspetti, il destino del mondo è nel tuo mouse!


Coinvolgimento
Coinvolgimento degno di uno strategico in tempo reale. Gli intermezzi ci sono e sono ben fatti (peccato che come al solito non sia stato tradotto), ma, non si guida un personaggio, non ci si affeziona alle unità; ogni cosa che si muove è carne da cannone e perfetta per essere falciata dal fuoco nemico mentre i carri arrivano a portata utile di tiro.


Grafica
Molto, ma molto ben fatta è la grafica del terreno e delle unità. Purtroppo, essendo il gioco ormai datato (inizio nuovo millennio), ad esempio i danni sono bruttissimi. Mi spiego. Non importa che le mie unità sparino alla fanteria da davanti, da dietro o dal lato, i danni sono sempre uguali, così vediamo un esercito di “fucilieri” (intendo la fanteria armata solo di armi leggere, senza lanciamissili o altro) annientarne uno di carri in svantaggio numerico (mentre si sa benissimo che i proiettili di armi come mitragliatori e pistole “rimbalzano” sulla blindatura di un corazzato). I danni agli edifici sono “sommari”, nel senso che un edificio con tre quarti di energia ha un po’ di fumo, a metà si vede qualche crepa, a un quarto e mazzo è quasi distrutto e finita la vita scoppia.


Colonna sonora
Carina, di sicuro non è il pezzo forte.


Giocabilità
Come in tutti gli strategici di questo tipo la tastiera può essere scollegata, la mancanza non si sente (a meno che uno vuole creare dei gruppi per richiamare più velocemente le unità). Insomma, un intero esercito che può essere gestito con un click, cosa si vuole di più?!


Multi giocatore
Abbastanza arretrato, difficile trovare server liberi. Meglio una partita in rete locare o uno “Schirmish”.


Longevità
Essendo molte le mappe scaricabili il gioco risulta molto lungo. La campagna in single player, di per sé, ci lascerà davanti al monitor per parecchio tempo!


Totale
Trama: 8 su 10
Coinvolgimento: 7 su 10
Grafica: 8,5 su 10
Colonna sonora: 7- su 10
Giocabilità: 9 su 10
Multi giocatore: 7 su 10
Longetività: 10 su 10
Voto finale: 8 su 10

Giochi sulla seconda guerra mondiale : la mia recensione del gioco " Axis & Allies " di Atari

Età consigliata: 12+
Genere: Strategico in tempo reale\conquista
Parlato: Italiano
Sottotitoli: Non presenti
Casa: ATARI

Trama
E’ l’ inizio del 1942, gli stati uniti sono appena entrati nella guerra, le loro forze sono niente rispetto a quelle dell’ asse. L’ Europa è in mano a Hitler, e, in Russia, con la ripresa delle operazioni, sembra che la dittatura di Stalin stia per finire, insieme all’ URSS. Ma ora sarai tu a decidere quale stato portare alla vittoria finale e alla dominazione del mondo intero! Asse o alleati? A lei la scelta generale!


Coinvolgimento
Qualche scena di intermezzo ben fatta. Nella campagna single player si rivivono le battaglie più importanti della seconda guerra mondiale. Ma è con l’ opzione seconda guerra mondiale che il gioco da il meglio di se. Ed è li che il giocatore si sente realmente il generale più alto in grado, che comanda marina, aeronautica ed esercito.


Grafica
Grafica molto apprezzabile con rispetto di quelli che erano i mezzi e le attrezzature usate all’ epoca (anche se a volte nei velivoli e nei carri pecca di realismo). Gli intermezzi sono ben fatti (anche se poco presenti).


Colonna sonora
Non ci si rende nemmeno conto della colonna sonora. Infatti ci si concentra sulla battaglia. Però, se uno si ferma un momento, e presta attenzione; si può notare quanto sia ben fatta .


Giocabilità
C’ è tutto quello che un “generale” deve avere. Il “comando di corpo d’ armata”, da li si costruiscono dei veri e propri camion (anche il comando di corpo d’ armata stesso è un camion), che una volta “dispiegati” diventano operativi (i camion dei vari “comandi” sono operativi anche se non dispiegati). Non si comanda la singola unità ma il reggimento (il che rende più snelle le manovre), che può essere messo in varie “formazioni” (aggressiva, a colonna…). In oltre ogni reggimento si “lega” al centro di comando, cosicché esso, quando si trova in una “zona rifornimenti” si autorigeneri. I comandi sono ben fatti e come in ogni RTS la maggior parte viene data dal mouse.


Multi giocatore
Dopo aver fatto una semplice quanto veloce iscrizione ai server ufficiali ATARI,si entra in una vera propria “arena” in cui si sceglie il tipo di sfida (2 vs 2;…). E da li si comincia a giocare!
Longevità


Il gioco single player è molto longevo essendo molte le nazioni e le battaglie. Logicamente, la modalità Seconda Guerra Mondiale è infinita! Quindi, buon divertimento!
Totale
Trama: 8 su 10
Coinvolgimento: 8 su 10
Grafica: 8,5 su 10
Colonna sonora: 8 su 10
Giocabilità: 9 su 10
Multi giocatore: 10 su 10
Longetività: 10 su 10
Voto finale: 9 su 10

Requisiti minimi dichiarati dalla casa :

Sistema operativo: WindowsÒ 98SE,ME,2000,XP;
Processore: Intel PentiumÒ 4 1.5 Ghz o Athlon XP 1500+;
Ram: 256 Mb (consiglio vivamente di averne 512, altrimenti il gioco va a scatti, fidatevi)
Video: ATI RadeonÔ 8500 o GeForceÔ 3 o superiore
Scheda Audio: compatibile con le specifiche DirectXÔ 9.0
Hard Disk: 1.5 Gb di spazio liberi sul disco

Giochi di guerre stellari : la mia recensione di Star Wars - L' impero in guerra

Età consigliata: 12+

Genere: Violenza

Tipo di gioco: Gioco strategico ambientato nell’universo di Star Wars

Parlato: Inglese

Sottotitoli: Italiano

Menù: Italiano

Gioco online: Si

Trama

Palpatine ha preso il potere, Vader ha cancellato gli Jedy dalla galassia facendosi sfuggire solo Obi-Wan Kenobi e Joda.I due bambini nati dall’unione di Anakin e Padme sono stati nascosti finchè non arriverà l’ora giusta, un’era più matura. Il principio ha inizio…

Potrete guidare la nascita della ribellione all’inizio stretta nella morsa di un troppo forte esercito del neo impero, erede dell’ Esercito dei Cloni; ma che via via aumenterà la sua forza e conterà sempre più eroi e unità nelle sue fila.

Oppure potrete assecondare e portare avanti il malefico progetto di dominio dell’imperatore, guidando l’esercito che conta sia piccoli Star Destroyer classe acclamator oppure colossali Star Destroyer Imperiali, che possono essere affrontati solo dai altrettanto grandi Incrociatori Mon Calamari (ho fatto tutti questi riferimenti uno dopo l’altro perché così, gli appassionati di Star Wars, possono già intendere in che grandioso gioco si stanno imbattendo…).

Tutto finisce nel modo che volete voi, alla fine o avrete piegato l’imperatore e ristabilito la repubblica, oppure avrete esteso il vostro dominio e piegato ogni forma di ribellione. A voi la scelta!

Grafica

La grafica è molto accurata perché il motore grafico (finalmente!) è stato creato da nuovo per questo gioco. E così sia le ambientazioni spaziali (anche se li si vede solo qualche effetto spaziale e sullo sfondo il pianeta in cui si è in orbita a combattere) che quelle terrestri sono molto nitide e dettagliate, in oltre le seconde sono arricchite con vari e lodevoli effetti metereologici; le prime con vari effetti spaziali (nubi,asteroidi e altro…).

Le unità logicamente rispecchiano in modo perfetto quelle viste nei film, anzi, gli star destroyer si ritrovano in classi che nei film non sono state viste, come la classe acclamator. Nulla è lasciato al caso e anche i vari spezzoni sono fatti bene e riportano a volte scene già viste nei film ma “ridisegnate” per facilitare il passaggio gioco-spezzone, spezzone-gioco.

Durante le battaglie (e anche nella mappa tattica dell’universo, anche se non serve a niente farlo) si puo’ ciccare su un pulsante che permette di vedere la battaglia con effetto cinema, con varie inquadrature automatiche che seguono lo svolgersi dell’azione come nei film (anche se a volte la telecamera va come vuole, e per trovare un’inquadratura decente bisogna schiacciare varie volte la barra spaziatrice).

Comunque alla fine di tutto il gioco risulta molto, molto buono, e sicuramente non dare l’9 sarebbe un affronto, contando però che i ragazzi di Lucas hanno fatto una cosa molto pregevole, cioè fare dettagli un po’ inferiori allo standard attuale per far girare con i dettagli al massimo questo gioco su un computer vecchio di 3 anni come il mio! Ed è per questo che ho deciso di dare il 9, forse non giustificato da un punto di vista puramente grafico, ma quante volte ci dobbiamo sorbire rallentamenti e giochi a scatti? Questa volta hanno pensato che il gioco non sarebbe andato a finire su mega computer marcati 2006, ma anche su computer più vecchi; e io credo, abbiano pensato bene…

Colonna sonora

Riproduce in modo encomiabile quella sentita nei vari film; quindi non c’è molto da dire, a parte il fatto che sottolinea molto bene i vari menù e le battaglie, oltre a dare come sempre quel tocco di Déjà Vu, che ci fa pensare di avere già sentito detta canzone, senza però ricordarci in quale trilogia o episodio.

Giocabilità

Alta, altissima. Il gioco è strutturato in maniera eccelsa; tant’ evvero che questo titolo è giocabile anche da chi è patito di guerre stellari, ma soffre gli strategici.

Le modalità comunque sono due, o scenario (con Ribellione o Impero e annessi e connessi) o conquista galattica.

Con la prima modalità eseguiremo in una “mappa galattica” una missione dopo l’altra seguendo però gli ordini che ci vengono dati dai superiori (conquista tale pianeta, uccidi tale eroe…), fino al raggiungimento della fine.

Con la seconda modalità, la vera chicca, potremo scegliere un universo con un certo numero di pianteti, con un certo numero di crediti iniziali, una certa difficoltà di gioco (comunque modificabile durante il gioco stesso) e uno dei due soliti schieramenti. Dopo di che ci ritroveremo nella mappa galattica con unità già schierate e pianeti già conquistati; noi dovremo estendere il dominio della nostra fazione a tutto l’universo! Poi da cartina a cartina ci possono essere altri obbiettivi che ci fanno vincere (distruzione morte nera, morte di Palpatine…). In oltre ci sono missioni “olocron” che ci fanno guadagnare crediti o “regali” (quali navi da battaglia, unità di terra o altro).

Le conquiste, in tutti e due i casi, si svolgono in due modi (e anche la difesa); una battaglia spaziale per avere accesso all’orbita del pianeta, e in seguito una terrestre per conquistarlo definitivamente. A seconda degli “slot” (che variano da pianeta a pianteta) sulla superfice dello stesso potremo costruire edifici di produzione (caserme, fabbriche leggere…) o di difesa (generatore degli scudi, torrette turbolaser…); anche se, durante la battaglia rts sia nello spazio (più raramente) che sulla “terra” (sempre) potremo trovare delle “piattaforme di costruzione” che se conquistate (basta tenerci di fianco un’incrociatore nello spazio, o SOLO unità di fanteria o eroi appiedati sulla terra) ci permettono di costruire o torrette anti fanteria, anti carro, moduli di riparazione veicoli…

Durante le battaglie sarà possibile farsi arrivare rinforzi sempre che non si superi il limite massimo di unità, ma che dovranno atterrare nelle zone di atterraggio che si possono conquistare nello stesso modo delle piattaforme di costruzione (nelle battaglie spaziali possono arrivare dove vogliono i rinforzi, basta che sia scoperto dalla “nebbia di guerra” il punto in cui si vuole farle arrivare).

Ultimo punto degno di lode, anche se non ultimo come importanza, è il fatto che nelle navi più grandi si possa scegliere di colpire solo il generatore degli scudi, solo i turbolaser, solo i motori e così via. In oltre bisogna ricordate che gli Star Destroyer di qualunque classe producono caccia e bombardieri in automatico come supporto alla battaglia (per questo noi direttamente non possiamo costruirne sulla mappa galattica), mentre quelli ribelli no, e per questo dovranno iniziare le battaglie già “armati” di tutto.

Multi giocatore

Sarà possibile giocare delle battaglie (addio mappa tattica…) fino in otto giocatori in internet (ma anche il lan è possibile giocare).

Oppure di fare una campagna online con possiblità di salvare contro un altro giocatore su una mappa tattica.

Gioco online

La battaglia di fatto è una battaglia terreste o spaziale su di un pianeta come durante il single player.

La campagna allo stesso modo è una serie di conquiste spaziali e terrestri contro un giocatore on line con possiblità di salvare

Longetività

Il gioco single player di per sé è lunghissimo e vi terra incollati davanti al PC per ore e ore; se poi aggiungiamo la parte multiplayer il gioco è infinito!

Commento

Dopo molte prove, mezzi giochi, giochi con motori grafici “altrui” (star wars battleground) e altro, lo strategico di Guerre Stellari è arrivato. I ragazzi di Petroglyph hanno fatto per la Lucas un lavoro lodevole e veramente impensabile alla vigilia dell’annuncio di un ennesimo titolo sull’universo di Star Wars.

Complimenti ragazzi! Complimenti per il motore grafico, bello e ricco ma che non ci ammazza il computer; complimenti per l’ introduzione di battaglie spaziali RTS; complimenti per le stupende meccaniche di gioco quale la possibilità di colpire determinati punti delle navi. Complimenti per il tempo narrativo, a cavallo tra episodio III° e episodio IV°. Grazie per molte altre cose che messe insieme ci danno un titolo che a nessun appassionato di guerre stellari puo’ assolutamente mancare; ma forse, se fossi anche in quelli che non stravedono per guerre stellari, un pensierino ce lo farei…

Totale

Trama: 9 su 10

Grafica: 9 su 10

Colonna sonora: 8 su 10

Giocabilità: 9 su 10

Multi giocatore: 8 su 10

Longetività: 9 su 10

Voto finale: 9 su 10