OCCASIONI per i visitatori:



-----> LINK UTILI <-----

La nostra PAGINA FACEBOOK
La mia pagina su PENSIERI e PAROLE.it
Il mio album su FLICKR

sabato 25 aprile 2009

Influenza ( o febbre ? ) suina e virus dal Messico ( cibo molecolare mostrato a Striscia la notizia )

Buonasera,
questa sera vi scrivo su questa sconcertante vicenda.

Ormai tutti i giornali e telegiornali ne parlano.

Dicono che in italia la carne non sia mai stata importata dal messico. Sarà vero.

Io non dico di non mangiare carne di maiale, ma mi sono dato un consiglio.

Mangia carne di maiale di cui conosci la provenienza tanto per stare sul sicuro!!!

Quindi, qual'è l'unico posto dove non conosciamo la provenienza di ciò che mangiamo.

Il ristorante!!!

E dopo aver visto come fanno bello a darci da mangiare cibo molecolare nei ristoranti rinomati, io mangerò cose collegate al maiale solo qui nella mia Valtellina. Dove (spero!), nei piccoli ristoranti tipici, e nelle trattorie, la qualità è ancora molto elevata.


Buon sabato sera a tutti!!!

Luca



p.s. il virus si trasmette anche da uomo a uomo dopo l'ultima mutazione ( qualche nuovo esperimento militare riuscito male tanto per cambiare ? ) , quindi non mangiare carne di maiale non da la certezza (per ora solo in Messico per fortuna ( per noi ) ) di non essere contagiati

domenica 12 aprile 2009

Buona Pasqua di resurrezione a tutti voi !!!

Buongiorno,
in questo giorno di felicità per i cri
stiani, giorno in cui il Cristo ha vinto la morte, ci viene offerto un giorno di riflessione comune. Sul senso della morte, ma soprattutto della vita. Su come per vincere la prima, bisogna vivere al meglio la seconda.


Auguro perciò a tutti voi una vita non senza dolore, ma una vita al termine della quale possiate guardarvi indietro, senza pentirvi mai di nulla.


A voi che mi leggete, e a voi che non mi avete mai letto, e ai vostri cari, un augurio di una Pasqua di Resurrezione felice con i vostri cari!!

A presto,
Luca Zecca

p.s. quest' uovo di Pasqua e questa colomba sono per voi !!!





mercoledì 8 aprile 2009

Per le strade, sciacalli oltre alle vittime in seguito al terremoto che ha sconvolto l' Abruzzo . Buona occasione per l' impiccagione

Buon giorno!

Vi scrivo oggi dopo due giorni di tragedia che via via si è consumata nell'Abruzzo e nelle zone flagellate dal terremoto.

Posso esprimere solo cordoglio per tutte le vittime, i famigliari e tutti coloro che si sono visti arrivare sul capo questa sferzata del destino. Il mio augurio è che la situazione, per quanto irreversibile, possa essere riportata quanto più vicino alla normalità nel più breve tempo possibile. Anche se chiaramente si parla di anni di ricostruzione.

Ora però, vorrei affrontare un tema che mi fa contorcere le budella. Gli sciacalli.


Se fosse per me, oltre ai vari decreti necessari per decretare lo stato di calamità e per dare disponibili somme alla protezione civile, andrebbe sempre firmato in questo caso un decreto che autorizza l'impiego dell'esercito nelle operazioni di polizia urbana quale valido supporto alle già attive forze dell'ordine. Un po' come nei quartieri delle città.

Perchè nella tragedia, vedere persone che tentato in ogni modo di trarne giovamento, costringendo senza tetto a dover curare le loro macerie a vista, è vergognoso. Da paese del terzo mondo.

Viene davvero voglia di sentire come proposta una modifica costituzionale che rimetta la pena di morte per persone che, mi dispiace dirlo, vivono solo per aggiungere sofferenza alla sofferenza. Che vivono solo per rubare ossigeno agli altri. Costoro sì, meriterebbero un tribunale popolare che gli renda il dolore che hanno dato agli altri.

E poi venga l'ONU a dirci che la pena di morte è disumana.... Vangano pure...

Perchè sono stati incapaci di intervenire myanmar e durante altre stragi, ma figuriamoci se non sarebbero rapidissimi a venir qua per una cosa quasi sacrosanta....



In definitiva, non vogliamo la pena di morte?! Beh, un bel vent'anni di galera (da scontarsi tutti però!)... gli fanno solo che bene. E non mi importa se loro hanno una famiglia. Perchè se tutti i disagiati italiani dovessero darsi al sciacallaggio, bè signori, credo che saremmo un paese in continua guerra civile.


A presto! Luca